Domus Europa

LA STEPCHILD ADOPTION DOPO LA LA LEGGE “ CIRINNA’ ”. Di Francesco Mario Agnoli

FacebookTwitterLinkedIn

  “La Repubblica” in data 2 maggio 2016 ha pubblicato un articolo di  Maria Novella De Luca dal significativo  titolo  “Dopo il primo sì alle coppie di fatto cinque sentenze per la stepchild”. Riferendo vari casi di adozioni  del figlio del partner in  coppie omosessuali. la  De Luca commenta: “Da quando è stata bocciata in parlamento, il 25 febbraio scorso, la stepchild adoption è diventata una realtà sempre più radicata dentro e fuori le aule di Giustizia. Venti sentenze in un anno e mezzo, e poi un’accelerazione. Quasi ci fosse l’urgenza di dare ai figli delle coppie omosessuali dei diritti che difficilmente diventeranno legge in tempi brevi. Con il paradosso che mentre la legge sulle unioni civili verrà approvata grazie anche allo stralcio dell’articolo sulla stepchild adoption, una coppia di padri (…) e quattro coppie di madri  sono diventate “famiglia”. Addirittura con l’adozione incrociata dei figli, così come è avvenuto a Roma e a Napoli tra marzo e aprile. Utilizzando semplicemente l’attuale legge sulle adozioni, all’art. 44, là dove si prevedono i “casi speciali”.

    Più che giustificato, quindi,  l’intervento, che vorrebbe essere un monito,  del ministro (per gli Affari regionali con delega alla Famiglia) Enrico Costa, che, di fronte a segnali di segno opposto provenienti se non dal suo partito dalla  maggioranza parlamentare di cui fa parte, in un intervento sul tema al ”Forum delle associazioni familiari”.si è affrettato a dichiarare: “Sia chiaro che non può rientrare dalla finestra quello che è uscito dalla porta: in tema di stepchild adoption fino a oggi la giurisprudenza ha dato delle interpretazioni colmando un vuoto normativo. Ora quel vuoto non c’è più, c’è una norma chiara che esclude la stepchild adoption, a maggior ragione alla luce dei lavori parlamentari, e quindi mi attendo di vedere chiusa una fase di interpretazione creativa”.

      La promotrice della legge, la senatrice del PD Monica Cirinnà, gli ha obiettato che non vi è nessuna giurisprudenza creativa, ma una “giurisprudenza che, davanti alla scelta del legislatore di non decidere, continua ad applicare la norma esistente che è la legge sulle adozioni che è richiamata esplicitamente al punto 20 del maxi-emendamento del governo“. More »

Il neoeletto presidente della Repubblica austriaca, Alexander Van der Bellen. In Austria vince il candidato dei verdi, dunque “l’Europa che temeva una deriva populista e anti-immigrati è sollevata”. durante la campagna elettorale il candidato della Fpö Norbert Höfer è stato presentato come un pericoloso populista,... 
Calenda critica la necessità di passare per i parlamenti nazionali Il ministro Carlo Calenda, quarantatre anni.  “Gli Stati sentono che gli accordi di libero scambio sono sempre più avversati dalle opinioni pubbliche e per questo vogliono tornare ad avere un peso sempre maggiore nella decisione e anche un po’... 
    Lo spirito della Dichiarazione del 1948     Quando, nel 1948, venne varata, la Dichiarazione universale dei diritti dell’Uomo fu accolta con autentico e generale entusiasmo, come l’inizio di un mondo rinnovato, di un’umanità finalmente redenta, che non avrebbe più conosciuto guerre, oppressioni,... 
Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdoğan, è un politico scaltro ed un grande accentratore di Recep Tayyip Erdoğan, 62 anni. poteri. I legami ambigui con l’Isis ed i frequenti ammiccamenti all’Europa lo rendono un leader molto criticato e per molti osservatori poco affidabile. Per conoscere meglio quanto... 
Ruḥollāh Moṣṭafāvī Mōsavī Khomeynī (1902-1989) Il prossimo 4 giugno a Roma presso la sala congressi del Best Western Hotel, nelle vicinanze della stazione Tiburtina, il Centro Studi Internazionale Dimore della Sapienza – in collaborazione con Irfan Edizioni, Istituto Culturale della Repubblica Islamica... 
Premessa La notizia dell’imprevista vittoria di Norbert Hofer al primo turno delle elezioni per la Presidenza della Repubblica Federale Austriaca del 24 aprile scorso ha consentito di constatare come la stragrande maggioranza della stampa e dei media italiani vivano di riflessi condizionati. Un fatto politico... 

 

 

Login

Copyright © 2009 Domus Europa. All rights reserved.
Data del decreto che autorizza la registrazione: 06/06/2015 num.reg.stampa:3 | num.R.G.:716/2015
Registrazione marchio: n°di pubblicazione: RN2013C000315 | pubblicato: 06/08/2013 | classe Internazionale 41 -
Designed by siroscape.
Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, domus-europa.eu utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy