Domus Europa

LE MOLTE LATITUDINI DI IOAN PETRU CULIANU. Di Madame Janus

FacebookTwitterLinkedIn

R. Moretti, “Il sacro, la Conoscenza e la Morte. Le molte latitudini di Ioan Petru Culianu (Iasi 1950 – Chicago 1991)”, Il Cerchio, 2019.

«Nulla è costante tutto è interpretazione, nulla sfugge al gioco dell’interpretazione» potrebbe esser l’incipit di questo libro, di questo viaggio che prende per mano il lettore per farlo entrare nell’affascinante mondo di Ioan Petru Culianu. Uomo di penetrante intelligenza, storico delle religioni, debitore degli studi condotti da Mircea Eliade e Ugo Bianchi, interessato ad ogni scienza cognitiva, pensatore dissidente, che riuscì fortunatamente ad emigrare dalla Romania dove imperversava la dittatura. Morì nel 1991, a 41 anni, assassinato in circostanze irrisolte nei bagni della Divinity School di Chicago dove insegnava. Le modalità con cui venne freddato dai colpi di pistola hanno fatto ipotizzare un’esecuzione straordinariamente organizzata, “da professionista”, e al sospetto del coinvolgimento dei servizi segreti romeni ancora legati al deposto Ceausescu.

Culianu chiarisce la sua posizione di fronte alle religioni definendole “programmi mentali”, in quanto la mente è condizionabile, ovvero «ogni essere che fin dall’origine del mondo sia inserito in uno scambio intersoggetivo ha parte in un processo magico». Rinomato studioso del Rinascimento, fu autore di importanti saggi sullo Gnosticismo, dalla parola greca “gnosis”, conoscenza, cioè sul dualismo metafisico, dualismo che fu parola coniata da Thomas Hyde nel XVIII secolo per indicare una caratteristica precipua della religione dell’antica Persia che contrapponeva un Dio buono a un Dio malvagio. L’ascensione dell’anima o piscanodia è la realizzazione della gnosi, il fine ultimo gnostico, per cui la natura umana è concepita come antagonista e imprigionante. La caratteristica che mette in relazione tutte queste dottrine è l’enfasi sulla trascendenza contrapposta al mondo ingannatore, si è nel mondo ma non del mondo, in opposizione al nichilismo, ossia ad una visione della vita materialista ed antimetafisica. E’ appunto questo nichilismo il tratto distintivo della modernità, che Culianu avversava come mercificazione di ogni cosa. Modernità che concepita dall’uomo come negazione del limite, inteso morale, o cattolicamente creaturale, può essere interpretata come un frutto carsicamente maturato dallo gnosticismo solo compiendo un sovvertimento terminologico. More »

Un successo planetario annunciato, che ha vinto il premio come miglior film all’ultima Mostra d’arte cinematografica di Venezia, questo Joker non è esclusivamente un film di genere. Un film che lascia l’impressione di un crescendo organico, nella consumata logica di causa-effetto, la storia del cambiamento di... 
A. Vanin, Il Regno dei Fanes, Il Cerchio. La bellezza delle Dolomiti colpisce da sempre l’immaginazione di chi le abita e dei viaggiatori di passaggio. Di mattina queste montagne magiche si mostrano pallide, di un color rosa tenue che incanta chi le vede, ma è al tramonto che le rocce raggiungono il loro massimo... 
Senza l’ossessione di piacere per forza all’Europa, Erdogan si sente più forte. Una volta tramontata l’ipotesi di un ingresso della Turchia nell’Unione Europea, il presidente ha acquisito sempre più potere nello scacchiere internazionale: oggi è un interlocutore essenziale al tavolo della pace in... 
La fantasia è mera finzione, mera invenzione? L’Autore fin dalle prime brillanti quanto scorrevoli pagine prepara l’orientamento: la fantasia è capacità immaginativa che rende intellegibile la bellezza, modalità di apparire dell’invisibile. Tolkien, non privo della tipica ironia britannica, affermava che... 
 Come noto, Facebook e Instagram hanno eliminato dalle proprie pagine CasaPound  e Forza nuova. Una eliminazione totale: non solo i siti ufficiali  e i profili del presidente di CasaPound Gianluca Iannone, del vicepresidente Simone Di Stefano e del segretario di Forza Nuova Roberto Fiore, ma anche  i profili... 
Foto gentilmente concesse dalla Fondazione MAST. Antropocene è una mostra a ingresso gratuito, a tutti più che consigliabile, a Bologna presso la Fondazione MAST. La forza delle immagini vale di più delle parole, le bellissime fotografie di Burtynsky, scattate anche in remoti luoghi del pianeta, riescono al contempo... 

 

 

Login

Copyright © 2009 Domus Europa. All rights reserved.
Data del decreto che autorizza la registrazione: 06/06/2015 num.reg.stampa:3 | num.R.G.:716/2015
Registrazione marchio: n°di pubblicazione: RN2013C000315 | pubblicato: 06/08/2013 | classe Internazionale 41 -
Designed by siroscape.
Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, domus-europa.eu utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy