Domus Europa

L’AFFAIRE VINCENT LAMBERT. Di Francesco Mario Agnoli

FacebookTwitterLinkedIn

Vincent Lambert

Vincent Lambert è un infermiere oggi quarantaduenne ospedalizzato perché tetraplegico a seguito di un incidente  stradale avvenuto il 29 settembre 2008 e da allora in  stato definito “gravemente vegetativo“ dall’équipe medica che lo segue e ne propone l’eutanasia mediante  interruzione di alimentazione e idratazione, e, invece,  di ”coscienza minima” dai familiari ostinati a mantenerlo in vita.  Al di là delle definizioni, il dato certo è che Lambert  non comunica col mondo esterno pur se vi sono indizi di qualche sua percezione, deve essere idratato e alimentato artificialmente, ma non è in fin di vita né affetto da malattia (nel senso proprio del termine) grave, incurabile o degenerativa. Per lui  la Francia, fra ospedali, politica e giustizia, sta vivendo il suo caso Terry Schiavo o Eluana Englaro. Più Terry Schiavo, perché,  come per la giovane americana, a volerne la soppressione  è il coniuge, mentre i genitori si oppongono  a una soluzione  che appare sempre più prossima, dal momento che il dottor Vincent Sanchez, a capo dell’unità cerebrolesi dell’ospedale di Reims, ha informato la famiglia che “la sospensione dei trattamenti” (così definisce alimentazione e idratazione artificiale) “e la sedazione profonda e continua evocata dalla procedura collegiale avranno inizio nel corso della settimana del 20 maggio”.

  Quella che si prospetta come la fase terminale dell’esistenza di Vincent Lambert ha avuto inizio mercoledì 24 aprile 2019 quando il Consiglio di Stato francese ha respinto l’appello dei genitori contro  la sentenza del  Tribunale amministrativo  di Chalons-en-Champagne, che a gennaio aveva ritenuto conforme a legge la richiesta dell’équipe medica di interruzione di trattamenti  attribuiti ad “ostinazione irragionevole”.  Non ha avuto migliore fortuna la richiesta di sospensiva, respinta il 30 aprile dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU), che sul caso si era già pronunciata a favore dell’eutanasia il 5 giugno 2015 con una sentenza non unanime e  all’epoca aspramente criticata  dai giudici dissenzienti, spintisi ad affermare che la Corte ha   perso il diritto di  definirsi “coscienza d’Europa”.

   A porre un inatteso ostacolo sul cammino verso la morte è intervenuto, il 4 maggio, il Comitato  dei diritti delle persone handicappate, un organo  con sede a Ginevra, che ha chiesto a Parigi di bloccare la sospensione di alimentazione e idratazione  per il tempo necessario allo studio del caso, come previsto dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, adottata dall’assemblea generale dell’ONU il 13/12/2006 e ratificata dalla Francia. More »

Dice un vecchio proverbio siciliano, d’origine araba: «Quando c’è vento, fatti canna». E un altro più nobile, ma dalla medesima origine, aggiunge: «Quando è notte, non combattere le tenebre: però mantieni accesa la lampada». Tempi tristi, i nostri. Tempi di resurrezione di vecchi fantasmi e di nascita di... 
La fanteria spagnola mandata a debellare la rivolta dei moriscos sulle Alpujarras si comportò male, subendo gravi perdite  nel cercare di conquistare Galera (un  paese che ribelli avevano  ben fortificato) e dandosi addirittura alla fuga nel  tentato assalto a Seron. Il comandante  – che era stato  ferito... 
A margine di alcune recenti (e trascurabili…) polemiche, al fine di provare inconfutabilmente la sua fede europeista, La Civiltà Cattolica ha ritenuto opportuno proporre una selezione di suoi articoli pubblicati a partire dagli anni trenta del secolo scorso. Intanto però, per i tipi dell’editore Solfanelli,... 
  Il 26 aprile il presidente della Repubblica ha firmato  la  nuova legge sulla legittima difesa. Per l’esattezza, sulla sottospecie della legittima difesa “domiciliare”, perché la legge riguarda esclusivamente la difesa contro aggressioni all’interno di luoghi destinati ad abitazione, domicilio,... 
Alvise Corner (1484-1566) Il complesso della Loggia e dell’Odeo Cornaro è uno dei luoghi più particolari tra quelli che arricchiscono il patrimonio architettonico padovano. I lavori per la costruzione degli edifici ebbero inizio nel 1524, su progetto dell’architetto veronese Giovanni Maria Falconetto (1468-1534/5?);... 
La pubblicazione dell’articolo del Papa Emerito sulle radici della pedofilia nella Chiesa cattolica hanno innescato una discussione che ha stupito solo gli ingenui. Joseph Ratzinger ha toccato in una volta sola due IDOLA TRIBUS della postmodernità: a) la “cultura del ’68. b) il nesso fra omosessualità... 

 

 

Login

Copyright © 2009 Domus Europa. All rights reserved.
Data del decreto che autorizza la registrazione: 06/06/2015 num.reg.stampa:3 | num.R.G.:716/2015
Registrazione marchio: n°di pubblicazione: RN2013C000315 | pubblicato: 06/08/2013 | classe Internazionale 41 -
Designed by siroscape.
Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, domus-europa.eu utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy