Domus Europa

VIA FRANCIGENA CAMMINO DI PACE. Di Gennaro Grimolizzi.

FacebookTwitterLinkedIn

Il 4 luglio ad Irsina (Mt) convegno sull’itinerario religioso e culturale

Itinerario di religione, storia e cultura, ma anche strumento di sviluppo sostenibile. Il prossimo 4 luglio, con inizio alle 17.00, ad Irsina (Mt), nella Cripta della Concattedrale, si terrà un convegno dedicato alla Via Francigena (titolo dell’evento: “La Via Francigena cammino di pace da Canterbury a Gerusalemme”). L’iniziativa nella città materana è organizzata dal Centro studi Basilicata Futura e dall’associazione Rete Vie Francigene Basilicata ed intende, guardando al 2019, anno di Matera Capitale Europea della Cultura, rafforzare l’attenzione sul tema della Via Francigena ed il ruolo dei territori lucani.

Ad aprire i lavori saranno i sindaci di Irsina, Nicola Morea, e di Matera, Raffaello De Ruggeri.

La storica dell’arte Maria Raffaella Antonicelli della Rete Vie Francigene Basilicata analizzerà il tema dei beni culturali collegati alla Francigena e alle innumerevoli opportunità di valorizzazione che ne derivano.

Il Centro studi Basilicata Futura, promotore del convegno, è da sempre impegnato a far conoscere in regione e fuori il valore strategico della Via Francigena quale asse fondamentale per lo sviluppo dei territori e la connessione tra di loro. Il presidente di Basilicata Futura, Tonio Bufano, parlerà della cultura come strumento di conoscenza tra i popoli e di pace. Ciò in considerazione del fatto che la Francigena guarda inesorabilmente al Medio Oriente e non può essere avulsa da una visione euro-mediterranea.

Non mancheranno i contributi di due accademici: i professori Armando Sichenze dell’Università della Basilicata ed Anna Trono dell’Università del Salento. Al primo spetterà analizzare il rapporto tra itinerario francigeno, architettura e natura. La professoressa Trono volgerà lo sguardo a Gerusalemme e ai cammini che da secoli contraddistinguono i viaggi dall’Europa in Terra Santa.

È previsto l’intervento di Patrizia Minardi della Regione Basilicata (Ufficio Sistemi Culturali e Turistici, Cooperazione internazionale).

Le conclusioni saranno affidate al Vescovo di Matera-Irsina, Monsignor Giuseppe Caiazzo.

La Rete Vie Francigene Basilicata (RVFB) è nata nel 2014 per promuovere in regione il tratto meridionale dell’itinerario culturale riconosciuto dal Consiglio d’Europa. La Francigena del Sud si propone di essere uno dei più importanti attrattori territoriali. Sono soci della RVFB oltre trenta Comuni lucani, compreso quello di Matera, e l’Anci Basilicata.

La  Via Francigena è un  itinerario culturale che si rifà alle tappe di viaggio percorse ed annotate dall’Arcivescovo Sigerico di ritorno da Roma, in visita dal Papa, verso la sua sede episcopale di Canterbury, in Inghilterra, nell’anno 990 d.C.

Gennaro Grimolizzi

La battaglia di Custoza, 24 giugno 1866  Il 24 giugno avviene un concentramento di forze austriache sulla zona collinare ad est del Mincio, con avanzata sulla linea Sommacampagna-Oliosi; vi sono poi  15 Squadroni di Cavalleria sul fianco sinistro, verso la pianura.   I posti di osservazione italiani, che avevano... 
“Sono le ballate e non le leggi a costruire le nazioni”, ebbe a dire nel 1704 Andrew Fletcher, quando la sua Scozia batteva gli ultimi respiri come Regno indipendente, prima di essere annessa definitivamente al governo di Londra (1707). Una potente affermazione quella dell’esule avvocato scozzese, che sottolinea... 
Ecco: questa è la vita. A settantacinque anni già quasi trascorsi, ti accorgi non solo che – come diceva Eduardo – gli esami non finiscono mai, ma soprattutto che non s’impara mai abbastanza. Quando credi che il senso della storia, almeno quello, sia quasi a portata di mano, ecco l’Augenblick di Goethe, l’Imponderabile... 
Il voto del referendum del 23 giugno nel Regno Unito segna una data storica e apre ad un biennio di incertezze. Nonostante le ripercussioni negative sull’intero sistema Europa, avvertite fin da subito, bisogna rispettare le decisioni del popolo sovrano. I primi a reagire come sempre sono stati i mercati finanziari,... 
Il ministro Carlo Calenda, 43 anni. Poco dopo essersi insediato nella carica di Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda ha deciso di esordire sul tema del TTIP attraverso una frase piuttosto ambigua e dalle prospettive tutt’altro che rassicuranti. Nello specifico, il neo-Ministro, avrebbe affermato che i... 
Avevo pensato a un incipit  denso di critiche  per i commentatori più o meno ufficiali (politici e giornalisti) dell’esito delle recenti elezioni amministrative, ma sono stato costretto ad un momento di riflessione dalla scelta a favore di “Leave” degli inglesi, che  mi ha fatto dubitare della mia capacità... 

 

 

Login

Copyright © 2009 Domus Europa. All rights reserved.
Data del decreto che autorizza la registrazione: 06/06/2015 num.reg.stampa:3 | num.R.G.:716/2015
Registrazione marchio: n°di pubblicazione: RN2013C000315 | pubblicato: 06/08/2013 | classe Internazionale 41 -
Designed by siroscape.
Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, domus-europa.eu utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy