Domus Europa » Homo Religiosus

Rubrica: Homo Religiosus

IL PARADOSSO DELLA COSCIENZA NELL’ESPERIENZA TRASFORMATRICE. Di Madame Janus

“La misura degli esseri è infinita, il loro tempo non ha termine, la loro condizione non ha permanenza. Il Tao non ha fine né inizio.” (Zhuang-zi). Debita premessa: fino a che punto si può intendere una contrapposizione tra il concetto religioso di Creazione e quello di Manifestazione. In accordo a Réne Guénon  «coloro il cui orizzonte intellettuale non va al di là delle concezioni filosofiche... 

IL TRIBUNALE DEL RAZIONALISMO MATERIALISTA. Di Madame Janus

Venni dallo splendore e torno allo splendore cos’è questo? Hoshin Pandemos designava ciò che sovrastava il popolo, le genti. Aveva origine dagli Dèi immortali, era semanticamente polivalente, ma era pur sempre la volontà umana, tradotta anche nell’azione politica, che rispondeva ad una situazione inaspettata. L’attestata incapacità di comprendere le antinomie della vita ha preso nuove strade,... 

IL MISTICO SECONDO EMIL CIORAN.

Mircea Eliade ed Emil Cioran. Emil Cioran rifiutò sempre i riconoscimenti letterari che gli vennero conferiti, prova di coerenza e di intransigenza di uomo vissuto ai margini, che avanzava tra le rinunce e le macerie della vanità, l’irrealtà che abitualmente nutre. «Gli uomini non sanno essere inutili. Hanno dei cammini da seguire, delle mete da raggiungere, dei bisogni da saziare. Non sanno... 

LA STRADA MAESTRA (E TORTUOSA) VERSO LA VERITÀ. RECENSIONE DI “DIALOGHI D’AMORE”, DI TIZIANO SOLDAVINI. Di Errico Novi.

Noi cristiani abbiamo bisogno di immagini. Custodiamo Dio nel cuore ma amiamo guardarlo. E amiamo guardare la Croce. Contemplarla, trovare in Lei la Verità. Ma abbiamo un limite, che è il tempo, innanzitutto, il tempo e lo spazio della nostra vita, che sono troppo miseri. Solo la rinuncia a ogni altro tempo, spazio, consunzione del corpo se non in Gesù, può forse condurre a vedere la... 

LO STOICO DISINTERESSE.

Albert Camus (1913 – 1960) «Tutto è bene, tutto è permesso e nulla è detestabile, sono giudizi assurdi» chiosava Albert Camus nella sua apologia dell’uomo assurdo. Un uomo che tocca un’apatia sacrale, una conquista d’elezione e d’impegno squisitamente individuale. Alla vista del mondo può anche assumere l’apparenza dell’infermità. La società umana invece ha bisogno di intenti... 

SULLA MORTE: ALCUNE VARIANTI CULTURALI E MITICHE.

Tanto rumore per nulla verrebbe da dire, nascendo il nostro destino è la morte, ciò che ha un inizio ha una fine, con Epicuro e Seneca «quando c’è la morte io non ci sono, quando io ci sono la morte non c’è». Lucrezio rincara la dose, «nulla è dunque la morte per noi, in nulla ci riguarda». «Non sappiamo se la morte sia un bene o un male» insinua Platone in bocca a Socrate. Altrove,... 

LA FASCINAZIONE MANICHEA. GNOSI DI SALVEZZA TRA EGITTO E CINA. Di Madame Janus

Polotsky H.-J, “Il Manicheismo. Gnosi di salvezza fra Egitto e Cina”, Il Cerchio. Il Manicheismo fu conosciuto dall’Italia all’India settentrionale, in tutto il Medio Oriente fino alla Cina, dove nei testi ritrovati a Tun-Huang, compilati prima della fine del IX secolo, era delineato come ming jiao (religione della luce) e Mani, il suo profeta, come reincarnazione di Lao-Tzu. Il Manicheismo... 

 

 

Login

Copyright © 2009 Domus Europa. All rights reserved.
Data del decreto che autorizza la registrazione: 06/06/2015 num.reg.stampa:3 | num.R.G.:716/2015
Registrazione marchio: n°di pubblicazione: RN2013C000315 | pubblicato: 06/08/2013 | classe Internazionale 41 -
Designed by siroscape.
Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, domus-europa.eu utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy