Domus Europa » “ERDOGAN È UN POLITICO MOLTO AMBIZIOSO. INFLUENZERÀ GLI ASSETTI MEDITERRANEI”. A cura di Gennaro Grimolizzi.

Sei in: Home // GlobaleLocale // “ERDOGAN È UN POLITICO MOLTO AMBIZIOSO. INFLUENZERÀ GLI ASSETTI MEDITERRANEI”. A cura di Gennaro Grimolizzi.

“ERDOGAN È UN POLITICO MOLTO AMBIZIOSO. INFLUENZERÀ GLI ASSETTI MEDITERRANEI”. A cura di Gennaro Grimolizzi.

FacebookTwitterLinkedIn

Intervista a Marta Ottaviani, giornalista ed autrice del libro Il Reis.

Ottaviani M., “Il reis”, Textus, sn, 2016.

Marta Ottaviani è una delle massime esperte italiane di Turchia. Proprio a questo Paese e al suo presidente, Erdogan, ha dedicato il suo ultimo libro: Il Reis (Textus Edizioni). La giornalista milanese – scrive sui quotidiani La Stampa ed Avvenire – sarà ospite della terza edizione del festival del libro “Borgo d’Autore” (www.borgodautore.com), in programma a Venosa, in provincia di Potenza, dall’8 al 10 giugno prossimi. Nella città lucana, che diede i natali al poeta latino Quinto Orazio Flacco, autori ed editori si incontreranno per ribadire un concetto molto semplice: leggere fa bene sempre. Tra le case editrici che saranno presenti a Venosa anche Il Cerchio di Rimini.

A cura di Gennaro Grimolizzi

Dottoressa Ottaviani, chi è davvero Erdogan (un baluardo dell’Islam alle porte d’Europa, un uomo forte alla guida della politica turca, il contrappeso nei nuovi equilibri euro-asiatici)?

Recep Tayyip Erdogan è sicuramente un politico molto ambizioso, pienamente intenzionato non solo a consolidare e accentrare tutto il potere entro i confini nazionali, ma a influire nelle scelte che determineranno i futuri assetti della regione mediterranea. E per fare questo sta lavorando in due modi. Il primo è sull’influenza diretta, quindi la presenza ai tavoli diplomatici più importanti, la seconda è la presa sulle popolazioni musulmane che vivono in Europa.

Questa Europa può dialogare con il Reis?

La domanda è interessante. Mi viene da dire che questa Europa deve trovare il modo di dialogare con il Reis. Ma prima di farlo deve imparare a dialogare con se stessa e possibilmente a trovare un’identità e una mission condivise. Vi è poi il problema, non trascurabile, di come relazionarsi a questo leader. Mi pare che davvero troppo spesso ci sia un atteggiamento arrendevole, mascherato da diplomazia.

Da una parte l’Europa muove i fili delle finanze comunitarie, dall’altra Erdogan maneggia un’altra “arma”: quella delle persone (immigrati in cerca di sistemazione e fortuna in Europa, popolazioni di origine musulmana, si pensi a quelle balcaniche che possono fungere da spinta a certe pretese turche). Sono scenari preoccupanti?

Il problema più grosso per come la vedo io è che Erdogan continuerà a fare pressioni anche quando l’emergenza migranti sarà passata. In Turchia ci sono centinaia di aziende straniere. Credo che la sua arma principale alla fine sia quella.

Erdogan e Putin sono i due nuovi protagonisti della politica internazionale? Stanno alterando gli equilibri della geopolitica?

Sicuramente la loro alleanza è destinata a pesare sugli equilibri esistenti. Ma nelle relazioni internazionali nulla è eterno e adesso loro hanno il problema della Siria, che va risolto in tempo breve e sul quale potrebbero sorgere dei contrasti. Quello che è certo è che si stanno servendo uno dell’altro e che in questo momento il nemico di Erdogan è rappresentato da una parte del fronte saudita e dall’Occidente.

Leave a Reply

 

 

Login

Copyright © 2009 Domus Europa. All rights reserved.
Data del decreto che autorizza la registrazione: 06/06/2015 num.reg.stampa:3 | num.R.G.:716/2015
Registrazione marchio: n°di pubblicazione: RN2013C000315 | pubblicato: 06/08/2013 | classe Internazionale 41 -
Designed by siroscape.
Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, domus-europa.eu utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy