Domus Europa » AUSTRALIA, IL RITORNO DELL’ISOLA PRIGIONE. Di Valerio Savioli.

Sei in: Home // GlobaleLocale // AUSTRALIA, IL RITORNO DELL’ISOLA PRIGIONE. Di Valerio Savioli.

AUSTRALIA, IL RITORNO DELL’ISOLA PRIGIONE. Di Valerio Savioli.

Quello che sta capitando in Australia in questi mesi è sconcertante: le politiche messe in campo per contenere la pandemia sono tra le più rigide del pianeta, cosa che ha portato addirittura la Cina, il paese del social credit system, a dedicare approfondimenti ironici sulla stampa. Quello che fa specie alle nostre latitudini è il silenzio delle grandi testate, degli autoproclamati professionisti dell’informazione, sulla questione australiana, soprattutto considerando il fatto che di episodi grotteschi se ne raccolgono quotidianamente all’ombra di infauste dichiarazioni tipo “we’re never getting back to normal”. Australia, anche chiamata Down Under dai suoi abitanti. Laggiù in fondo.

Lo svuotamento delle parole. Delle parole e della realtà, perché evidentemente le due cose sono strettamente connesse: abbiamo già accennato, in un altro articolo su un’altra testata, il peso e la forza — quasi magica e sicuramente cosmogonica — delle parole, del loro uso e del loro abuso e in un’epoca in cui ci si dirige con forza verso l’immagine come mezzo prediletto, possiamo considerare quest’ultima come un succedaneo delle prime.

Proprio considerando quanto appena detto, avremmo voluto leggere approfondimenti sulla gestione della pandemia da parte della Svezia, la quale ha adottato politiche opposte al nostro paese, ma anche del resto della Scandinavia o del Giappone oppure dell’Australia.

Sì, perché se è fondamentale capire come la pandemia sia stata affrontata con risultati socioeconomici meno opprimenti, lo è anche vedere come questa possa essere gestita in maniera decisamente peggiore e non, si badi bene, per consolare il lettore quanto piuttosto per metterlo in guardia: il peggio potrebbe esser ben lontano da venire.

Australia: “no worries”?

Australia, il paradiso dei raccoglitori di arance nostrani, terra di selvaggia e violenta bellezza naturale sembra oggi, con la vicina Nuova Zelanda, essere l’avanguardia delle misure più stringenti e incomprensibili atte a contenere la pandemia da Covid. Così, dopo aver messo in lockdown Alice Springs a fine giugno per un solo contagiato — una città che dista più di ottocento chilometri dal centro urbano più vicino — in un articolo di inizio agosto comparso sulla testata cinese Global Times, l’Australia torna all’onore delle cronache grazie alla firma del giornalista Lu Xue che a sua volta cita il professor Chen Hong, già direttore del Australian Studies Centre dell’East China Normal University che definisce la decisione di inviare militari per il contenimento del covid come misura “draconiana tra le nazioni[1]. Delle parole del genere comparse su un’importante testata cinese dovrebbero accendere qualche campanello d’allarme, se si considerano le politiche attuate dal gigante asiatico.

Repressione e violenza

Circolano sulla rete immagini di proteste e disordini provenienti dalla terra dei canguri, dove l’obbligo della mascherina è previsto anche all’esterno, pena il pagamento di una multa di 500 dollari australiani (AUD) e dove coloro che manifestano senza autorizzazione possono rischiare fino a 5.500 (AUD) di multa. In un articolo di Rebecca Davis, comparso su Yahoo News Australia, la giornalista riporta di proposte politiche che caldeggiano l’applicazione di sanzioni fino a 11.000 AUD per coloro che diffondono disinformazione sulla rete. Le famigerate fake news. Un episodio tra i più inquietanti è avvenuto nel settembre dello scorso anno, quando una donna incinta viene prelevata e arrestata nella propria abitazione di fronte ai suoi figli, con l’accusa legata a un post di protesta postato su Facebook dalla stessa[2]:

When asked what the arrest is about, one officer says: “It’s in relation to a Facebook post, in relation to a lockdown protest you put on just that day”.

 Ma non è finita qui ovviamente: circolano video come quello della dott.ssa Kerry Chant, Chief Healt Officer nel New South Wales, la quale sconsiglia di avviare anche una semplice conversazione coi propri vicini per evitare il contagio[3], oppure dello strapotere della polizia in merito a perquisizioni e addirittura del prelievo di minori[4] qualora ci fosse il sospetto che non vengano seguite pedissequamente le regole indicate dal governo per arginare il virus. Una terra dove i droni controllano chi indossa la mascherina o chi si allontana troppo dalla propria abitazione[5].

Continuano le proteste e gli scontri. Continua il silenzio.

Continuano, anche in questi giorni, manifestazioni in strada (quelle che in Europa si definiscono “di piazza”) coi gilet arancioni, i lavoratori edili in questo caso, a Melbourne — città che batte Buenos Aires per durata di lockdown[6] — protagonisti di scontri con la polizia ma anche in tante altre città, dove, secondo alcuni contestatori, oltre a dover fronteggiare la brutalità delle forze dell’ordine[7], la piattaforma social Facebook avrebbe provveduto a disabilitare la possibilità di diretta live. Inutile dire che se episodi del genere fossero capitati in Russia anziché in Australia, per fare un esempio, assisteremmo allo sdegno quotidiano a reti unificate, corroborato dai soliti paladini delle libertà che tanto piacciono nel cosiddetto occidente.

L’Australia anti Covid: un cocktail di brutalità e repressione orwelliana

Per chiudere questa breve carrellata dalle tinte inquietanti accenniamo a due episodi enigmatici: partiamo dalla storia di un uomo arrestato con quello che potremmo definire un TSO in salsa australiana[8] e portato di forza in una struttura medica di contenimento. L’uomo, un padre di due figli, sarebbe stato addirittura segnalato dalla moglie alla polizia[9] in base alle sue opinioni sulla gestione Covid[10] e il secondo che ricorda, per la modalità intimidatoria, quello della madre sopramenzionata, dove un cittadino australiano riceve la visita a casa di tre poliziotti che lo interrogano sulle sue potenziali intenzioni di partecipare o meno alle manifestazioni di cui abbiamo già accennato[11].

Episodi che hanno il sapore di quelle distopie che abbiamo trovato nella letteratura e nella filmografia. L’obiettivo, palesemente irrealizzabile di quella che si potrebbe tranquillamente definire una post-democrazia, è quello di mantenere i contagi a zero, travolgendo ogni qualsivoglia tipo di diritto. Il timore è che i laboratori da temere siano soprattutto quelli di ingegneria sociale piuttosto che quelli di altro tipo e che i virus più mortali siano quelli della disinformazione e della deliberata, crudele e strumentale divisione sociale. Quasi fosse uno di quei labirinti dove i ratti vengono testati e condizionati da specifici rinforzi e/o punizioni per ottenere un determinato esito di comportamenti.

No, ma a pensarci bene questi sono solo vaneggiamenti[12]: d’altronde il telegiornale non ne ha mai parlato.

Valerio Savioli

[1] https://www.globaltimes.cn/page/202108/1230241.shtml

[2] https://www.bbc.com/news/world-australia-54007824

[3]https://twitter.com/noreward_norisk/status/1417426275313065985?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1417426275313065985%7Ctwgr%5E%7Ctwcon%5Es1_&ref_url=https%3A%2F%2Fsummit.news%2F2021%2F07%2F20%2Ftop-health-officer-orders-australians-dont-have-a-conversation-with-each-other%2F

[4] https://www.legislation.sa.gov.au/LZ/B/CURRENT/COVID-19%20EMERGENCY%20RESPONSE%20(FURTHER%20MEASURES)%20AMENDMENT%20BILL%202020/UNOFFICIAL%20ROYAL%20ARMS/COVID-19%20MEASURES%20AMENDMENT%20BILL%202020.UN.PDF

[5] https://www.unsw.edu.au/news/2020/04/-pandemic-drones—useful-for-enforcing-social-distancing–or-fo

[6] https://www.dailymail.co.uk/news/article-9950147/Melbourne-set-spent-time-Covid-lockdown-world.html

[7]https://twitter.com/LozzaFox/status/1441335995002093587?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1441335995002093587%7Ctwgr%5E%7Ctwcon%5Es1_&ref_url=https%3A%2F%2Fsummit.news%2F2021%2F09%2F24%2Fmore-disgusting-police-brutality-in-australia-as-orange-vest-protests-continue%2F

[8] D’altronde se ne parlava proprio lo scorso anno in Italia: https://www.ilsole24ore.com/art/nuovi-focolai-covid-cosa-e-tso-soluzione-studio-governo-ADBhPgc?refresh_ce=1

[9] https://www.youtube.com/watch?v=k2NKKHe-3pY&t=0s&ab_channel=TimTruth

[10] https://www.unsw.edu.au/news/2020/04/-pandemic-drones—useful-for-enforcing-social-distancing–or-fo

[11] https://twitter.com/echo_chamberz/status/1441101624471023621

[12] https://www.stateofmind.it/2018/10/burrhus-skinner-condizionamento/#:~:text=Lo%20Skinner%20Box%20consiste%20nell,leva%20e%20ottiene%20del%20cibo.

Leave a Reply

 

 

Login

Copyright © 2009 Domus Europa. All rights reserved.
Data del decreto che autorizza la registrazione: 06/06/2015 num.reg.stampa:3 | num.R.G.:716/2015
Registrazione marchio: n°di pubblicazione: RN2013C000315 | pubblicato: 06/08/2013 | classe Internazionale 41 -
Designed by siroscape.
Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, domus-europa.eu utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy